Come valutare le persone

Ognuno di noi ha un curriculum sul quale sono riportate le azioni che abbiamo compiuto, nel bene e nel male. Una persona intelligente si informerà su di noi, prima di intraprendere un qualsiasi rapporto di lavoro, sentimentale, ecc. Se siamo considerati soggetti poco affidabili, la persona avveduta si terrà a debita distanza, limitandosi nei nostri riguardi solamente a saluti e convenevoli.

Anche noi dobbiamo o dovremmo comportarci allo stesso modo con gli altri, prima di offrire la nostra fiducia é opportuno tener conto dell’affidabilità del soggetto. Troppi errori avvengono proprio a causa dell’imprudenza.

Un ulteriore sbaglio si compie, quando si continua a dare fiducia a chi l’ha già tradita. Se qualcuno che si é comportato male nei nostri confronti si ravvede e ci chiede scusa possiamo anche perdonarlo, ma va tuttavia tenuto conto dell’azione che ci ha leso e del rischio che si verifichi di nuovo.

  • Affidereste in custodia la vostra casa a chi é noto come abile ladro?
  • Affidereste vostra moglie o vostra figlia ad un bellimbusto noto come dongiovanni e sciupafemmine?
  • Affidereste la vostra auto ad una persona nota come teppista della strada?

Per tutelare la propria serenità personale e famigliare, occorre sempre tenere il primo piano il curriculum del soggetto con cui andiamo ad intraprendere qualsiasi relazione, sia di lavoro, che sentimentale o di amicizia.

Perdonare è un atto umano e socialmente meritevole, ma subire o continuare a subire non ha nulla a che vedere con questo nobile valore.