Scegliere ciò che vale

Scendere al primo semaforo rosso.

Vi è mai capitato di salire a bordo di un’auto, che il guidatore manda a tutta velocità? Qual è il desiderio? Scendere subito non appena se ne ha la possibilità, al primo semaforo rosso aprite lo sportello e ve la svignate in tutta fretta.

Chi è oggi continuamente connesso con i media, vive la sensazione di essere su un’auto spaventosamente in corsa che pare non voglia più fermarsi. È un continuo subire di programmi di basso livello morale e culturale, notiziari che non danno nessuna notizia utile, pubblicità che ci vorrebbe continuamente con il portafoglio in mano pronti a disfarci del nostro denaro, salotti che ospitano opinionisti e politicanti di professione.

Chi rimane a bordo sta iniziando a “sfracellarsi”. Uno sfacelo evidente a tutti, con disastri famigliari, economici e sociali. Eppure basta poco, è sufficiente spegnere un interruttore e ricollegarsi alla realtà.

Qual è la realtà?
Quella di sempre, fatta di persone care, amici ed interessi semplici che fanno parte della quotidianità.
Un patrimonio che tutti hanno a disposizione, ma che gli stolti lasciano svanire ed andare in malora, incantati da sirene simili a quelle di Ulisse.