Mettere ordine

Sembra che gli ultimi tempi siano contrassegnati da disordini di ogni tipo, da quelli economici a quelli sociali.
Come mai? Da cosa dipende? Come siamo arrivati a tutto questo?
Forse per il troppo benessere?

Non esiste nessuna persona al mondo che abbia costruito la propria personalità ed il proprio carattere con l’agio. L’agiatezza e la comodità portano la noia, la pigrizia, che determinano a loro volta l’infiacchimento della volontà e la decadenza dei valori.

L’indebolimento della volontà non ha colpito solo gli indivui, ma intere società del mondo occidentale, Italia compresa.
Divano, televisione, frigorifero e smartphone, questi sembrano attualmente gli interessi prevalenti di giovani e persone di ogni età.

Gente addormentata e viziata in ogni ambito, da quello politico, a quello amministrativo, a quello sociale.

Cosa succede quando diventi pigro e non tieni più in ordine la tua casa? Dopo un certo tempo sarai dominato da degrado e disordine.
E cosa sarai costretto a fare?
Dovrai necessariamente sgombrare tutto, liberarti di quello che non ti serve e conservare solo ciò che ti è utile.

Qualcuno ha già cominciato ed ha sgombrato armadi, garage e soffitte. Altri hanno preso in mano l’estratto conto per capire quali sono le spese veramente utili e necessarie. Altri ancora sono già molto avanti ed hanno spento il maggior induttore di confusione e disordine: il televisore.

Mi viene da pensare che “capiamo il valore dell’ordine, solo quando siamo  sopraffatti dal disordine”. La storia ci insegna che quando il disordine ha dominato, ha dato sempre seguito a decadenza, rivoluzioni sanguinarie e dittature.