Il valore di ogni giornata

Sempre parlando di felicità e infelicità, la maggior parte delle persone pone la felicità come un continuo punto da raggiungere. Ci si ripropone di essere soddisfatti con abiti da comprare, vacanza da fare, auto da possedere, persone da conquistare, case da realizzare. E se la soddisfazione fosse invece riposta in ogni giornata?
Il valore principale della nostra vita è nelle giornate. Ogni giorno è un ciclo definito di vita della durata di ventiquattro ore.

Se possiamo essere ogni giorno felici con quello che abbiamo, perché rimandiamo la nostra felicità ad un probabile futuro?

La nostra giornata è composta da tanti moduli, ognuno può essere modificato a proprio piacimento.
I moduli che riguardano la maggior parte di noi sono:
– sveglia, bagno e colazione;
– tragitto verso la scuola o il lavoro;
– scuola o lavoro;
– pausa pranzo;
– lavoro;
– fine giornata lavorativa;
– cena;
– dopo cena;
– momento di mettersi a letto.

Un obiettivo ragionevole, potrebbe essere fare in modo che ogni modulo sia  benefico per la propria felicità e soddisfazione.
Ad eccezione del lavoro, che richiede un impegno maggiore, la maggior parte dei moduli sono facilmente gestibili in modo piacevole ed appagante.

Ecco alcuni esempi.

Sveglia, bagno e colazione.
Se ti svegli e ti prepari in tutta fretta, magari guardando le notifiche del cellulare o peggio ancora accendendo il televisore facendo colazione al volo e correndo al lavoro, stai creando in te una situazione stressante.
Se invece apparecchi la tavola per la colazione la sera prima, vai a letto ad un orario adeguato e dormi quello che ti serve per fare il pieno di energia, metti su della buona musica, fai colazione e ti prepari in tutta calma; ecco che rendi questa preziosa parte della giornata piacevolissima.

Tragitto verso la scuola o il lavoro.
Chi si reca a scuola o al lavoro con i mezzi pubblici, solitamente passa tutto il tempo a smanettare con il proprio smartphone. Chi usa la propria auto ascolta di solito la radio. Ora, come ben sai, i mezzi d’informazione sono finalizzati spesso agli interessi di altri, raramente dei tuoi. Se vuoi occuparti dei tuoi interessi e del tuo benessere, ti conviene alimentare la tua mente con quello che ti serve, non con quello che serve agli altri.
Per rendere piacevole e benefico il percorso da casa al lavoro, è utile leggere un buon libro, ascoltare della buona musica, studiare per agevolarsi nei risultati scolastici e nella professione lavorativa. Per chi guida sono ad esempio utilissimi gli audio-libri.
Rendere questo momento della giornata piacevole o sgradevole? Ognuno può scegliere in piena libertà e responsabilità.

Scuola o lavoro.
La condizione per essere felici ed appagati è una sola: la scelta giusta.
Hai scelto la scuola giusta per te? Hai scelto il lavoro giusto per te?
L’ambiente scolastico e lavorativo, è solidale e collaborativo?
La scuola ed il posto di lavoro possono costituire l’inferno o il paradiso. Importante, importantissimo, scegliere e ricercare l’opzione giusta per il proprio talento ed i propri valori.

Pausa pranzo.
Pochi hanno la fortuna di poter pranzare a casa, la maggior parte usufruisce di mense e ristoranti.
Quando mangiamo dobbiamo essere rilassati e cosa impedisce il rilassamento o lo favorisce? Lo impedisce la televisione, la conversazione che versa verso politica e fatti di cronaca, il parlare continuamente di lavoro. Favorisce il rilassamento la buona musica, la quiete, parlare di hobby ed interessi ludici.

Fine giornata lavorativa.
Se dobbiamo affrontare il traffico possiamo usare gli stessi strumenti dell’andata: buona musica, libri o audiolibri. Se abbiamo tempo possiamo fare una passeggiata, incontrare persone care, prenderci il tempo per agevolarci nei lavori domestici, cucinare qualcosa di speciale. Una buona cosa quando siamo in casa, è ascoltare della buona musica rilassante.

Cena.
C’è chi cena con il televisore acceso, altri usano conversare piacevolmente con i propri cari favorendo il relax con un sottofondo musicale. Io faccio parte della seconda categoria. Mi piace cenare con calma, degustare un buon vino, ascoltare jazz e conversare con le persone che amo.

Dopo cena.
Un tempo, le ore dopo cena erano dedicate alla conversazione, ai racconti, alla lettura di libri o testi sacri. Poi è arrivata la televisione e le abitudini sono cambiate totalmente. Oggi con gli smartphone stanno cambiando ancora.
Non tutti però si adeguano al peggio, chi ci tiene al proprio benessere usa le proprie serate in modo piacevole ed appagante. Solo per fare alcuni esempi: circoli culturali, teatro, cinema, musica, lettura, gruppi di studio.

Il momento di mettersi a letto.
Ho saputo che la molte persone tengono lo smartphone sopra al comodino, è l’ultima cosa che consultano quando si mettono a letto e la prima quando si svegliano.
Altri invece si rilassano con un bel romanzo, che fa sognare e porta con la mente altrove, in altri luoghi e in altre epoche. Altri ascoltano musica rilassante, agevolando dolcemente il sonno ed il buon riposo notturno.

Come vedi, ognuno può scegliere di vivere ogni momento della giornata in modo gradevole o stressante.

Ogni giornata è un ciclo completo di vita. La vera ricchezza è in ogni giornata che viviamo, la vera saggezza e rendere il giorno seguente migliore di quello precedente. Vogliamo vivere felicemente? Facciamo chiarezza su cosa rende la nostra vita piacevole, eliminando tutto quello che è superfluo, sgradevole e dannoso.