Il nemico della bellezza

Nulla abbruttisce più delle preoccupazioni.

Il nemico pubblico n°1 della bellezza è lo stress. La continua tensione a cui sottopone lo stress modifica l'espressione facciale e la postura. Chi è stressato mostra di solito un viso teso e una rigidità del corpo, in particolare delle spalle.

Chi riesce a tenere a bada lo stress, si presenta con il volto rilassato. Chi è sereno tende ad avere maggiore cura della propria persona.

Ma è possibile non essere stressati?
Sembra che San Giovanni Bosco amasse le beghe da risolvere, più ne aveva e maggiore era la serenità che traspariva dal suo viso.
Chiaro è che la fede aiuta. Si racconta che il Reverendo Norman Vincent Peale, si preoccupava se non aveva problemi da risolvere. Vi vedeva una mancata fiducia di Dio nel suo pastore.

Fede a parte, che come si dice è un dono, bisogna attivare delle strategie per fare in modo che lo stress non ci logori e abbruttisca.

Alcune tecniche efficaci per contrastare lo stress:
- scrivere su un foglio i motivi per cui ci si preoccupa ed elencare le possibili soluzioni, di solito questa tecnica aiuta a relativizzare la situazione di stress;
- praticare attività fisica all'aria aperta, anche una camminata a passo veloce va bene;
- essere di aiuto agli altri, in particolare alle persone particolarmente bisognose;
- telefonare ad una persona che ci può ascoltare e dare un sostegno morale.

E se possibile, fare come San Giovanni Bosco e Norman Vincent Peale.