Falso/falsa

Il falso ideologico è considerato un reato, eppure viene perpetrato ogni giorno diffusamente.

In Italia si vive un clima di rassegnazione, un atteggiamento che conduce inevitabilmente verso la rivoluzione e la depressione.

Il nepotismo e la corruzione nella politica, che favorisce direttamente e indirettamente la delinquenza organizzata, ha esteso le sue radici avvelenate in tutti gli ambiti. Questo ha prodotto uno stallo economico e culturale, che si sta rivelando ogni giorno sempre più distruttivo.

Non è normale, è tutto falso.

Se sei favorito/favorita in quanto figlio/figlia, parente o amico/amica di politici, sei un falso/falsa.

Sentirsi degli sfigati perché non si riesce a prodursi un reddito in Italia, è una falsità, non sei uno sfigato/sfigata. La realtà creata in decenni di malapolitica è falsa, non deprimerti e lascia perdere la rivoluzione. Se ti deprimi ci rimetti solo tu e le persone che ti amano, se fai una rivoluzione non liberi un popolo che è mentalmente schiavo del proprio analfabetismo funzionale.

Se hai avuto la sfortuna di nascere in Italia, peggio ancora nelle Regioni più corrotte, quello che puoi fare è portare le tue virtù in un Paese in cui sono apprezzate. In questo modo, qualora tu avessi in mente di mettere al mondo dei figli, li farai crescere in un contesto reale, e non falso.

La falsità si mostra con un volto rassicurante, per poi sfruttarti e portarti alla distruzione.

Siamo nati per essere felici, l’infelicità è un falso, un’anomalia da correggere.